Se sei Charlie condividi questo

32

Io non sono Charlie, non ne sarei in grado.

Quando abbiamo iniziato a progettare L’Amaro abbiamo subito capito di non avere la forza (né i mezzi) per produrre satira pura, dissacrante e molesta, offensiva quando necessario o anche se non necessario. Non era nelle nostre corde, noi non siamo Charlie, guardiamo al mondo con scetticismo e un po’ di sconforto, ma senza cattiveria.

ce-n-est-pas-la-premiere-fois-que-charlie

Charlie è bastardo, libertario, sacrilego e senza timori reverenziali per chicchessia. Un alieno, con pochi simili, nella nostra società. Da due giorni Facebook, Twitter e il mondo dicono però di essere pieni di Charlie. Anche se fosse vero, sarebbe un male. Un mondo di provocatori sarebbe detestabile, caotico, stucchevole. Invece il mondo è in qualche modo tollerabile proprio perché permette a Charlie di esistere e soprattutto perché Charlie è unico.

Oggi invece, in un mondo disilluso e incattivito da una crisi economica e culturale, ci sono molti più ipocriti che blasfemi, molti più intellettualmente servi che liberi, molti più violenti pronti a menare le mani che ad aprire la bocca. Ci sono molti più assassini di Charlie che Charlie.

È proprio quella serva ipocrisia che fa dire a molti italiani “Je suis Charlie”, con la stessa partecipazione emotiva con cui qualche ora prima si è condivisa una canzone di Pino Daniele. Solidarietà umana, certamente, ma distillata dal fluido flusso di comunicazione incessante che orienta l’opinione pubblica sulla superficie liscia dell’ignoranza e dell’indifferenza.

Va benissimo commuoversi per i martiri della libertà d’informazione, ma poi bisogna tornare a difendere i vivi! Siamo in Italia, quanti italiani sanno che solo nel 2014 393 giornalisti italiani hanno ricevuto minacce? Quanti che nel 2014 sono stati ammazzati 61 giornalisti sparsi per il mondo?

76166756Perché un giornalista, un magistrato, un attivista, un politico onesto deve morire per provocare empatia nei confronti della propria causa? Un’empatia che si esaurisce poi alla velocità di un top trend.

Io allora sono PER Charlie, PER il suo diritto di essere blasfemo, PER la sua determinazione a non fare sconti ad ogni forma di potere, PER la sua libertà di essere anche stupidamente cattivo.

E sono stordito, sconvolto dalla violenza di questo attentato, avvenuto nella redazione di un giornale.

Ma invece già lucidamente sono contro quegli italiani (e non solo) insopportabilmente falsi che stanno condividendo il loro dolore per Charlie solo perché non costa nulla, perché in questo caso il nemico è proprio l’uomo nero della nostra disinformata immaginazione. Hanno adottato quella frase “Je suis Charlie” senza coglierne il significato, rilanciandola come puro atto simbolico, sinceramente solidale, ma privo di autentica condivisione.

Se sei Charlie allora, se lo siamo tutti, facciamo un esperimento alla Charlie. Queste sono alcune vignette di Charlie Hebdo sulla religione cattolica. Che fai? Le condividi sul tuo profilo Facebook? Ti batteresti per la loro libertà di essere pubblicate? Sei ancora Charlie?

 

38044521

 

87413409_o

 

84162435_o

Jesus28

Giuseppe Putignano

Un cocciuto sostenitore della tesi che si possa lavorare scrivendo solo ciò che ti piace. E' un giornalista pubblicista ma, così facendo, non lo resterà a lungo.

5 Comments

  1. Enzo Bartalotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top