I calciatori se non fossero calciatori Pt. I

11

Noi italiani siamo ossessionati dal calcio, viviamo questo sport con una attenzione fanatica del tutto parossistica.
Non vorrei essere retorico ma lo sarò, un branco di capre che tira calci a un palla non merita attenzioni mediatiche e, soprattutto, non dovrebbe essere preso come modello da seguire.
È pazzesco che un calciatore abbia più importanza di un ricercatore.

Detto questo anche io sono ossessionato da questo mondo di merda.
Dato che sto cercando di disintossicarmi da Fifa non mi rimane altro che fantasticare sul calcio e sui calciatori, qui vi espongo il risultato.
Mi sono chiesto: cosa sarebbero i calciatori se non fossero calciatori?

Antonio Cassano

ITALY SOCCER

Uno dei più grandi talenti degli ultimi anni. In carriera ha ottenuto molto meno di quanto i suoi piedi e la sua visione di gioco gli avrebbero consentito.
E’ sempre stato tanto geniale in campo quanto stupido fuori.

Cassano se non fosse un calciatore

Cresce nel settore giovanile della mala barese e si distingue per talento e voglia di sparare alle gambe.

Le porte della criminalità professionistica, per lui, si spalancano; diventa un criminale molto stimato dai colleghi, tanto che conosce Tarantini.
Con il magnaccia barese ha in comune la fedina penale sporca e la passione per le battone.

Attraverso Tarantini approda nel top club della mala gestito da Berlusconi: Forza Italia.
Silvio è stregato dai modi del pibe di Bari e fa di lui un titolare inamovibile.

La presenza di Cassano in Forza Italia comporta la cessione di Alfano con il quale condivide l’omofobia e la tecnica del cunnilingus.

Cassano al Parlamento Europeo.

Cassano al Parlamento Europeo.

Francesco Totti

Totti

 

Il Pupone è Capitano, leggenda del calcio e re di Roma ma è solo un turista della consecutio temporum.
A Roma è una divinità, in pochi sanno – infatti – che Bergoglio ha scelto il nome Francesco in onore di Totti.

Totti se non fosse un calciatore.

Francesco Totti è a capo del temibile racket di legionari con la panza che bivaccano ai piedi del Colosseo.
Il piano è semplice:

1#. Attrarre l’attenzione di una marea turisti con un atroce spettacolo storicamente accurato come il film “SPQR – sono porche queste ragazze”.

2#. Convincerli a farsi fotografare con gli eroi.

3#. Estorcere quanti più sesterzi possibile.

- "'A foto so' dieci euri." - "Sorry?"

“‘A foto so’ dieci euri.”
– “Sorry?”

Vive con i genitori e, ogni sera, finisce col dedicare più di un pensiero al poster di Ilary Blasi che campeggia sull’armadio, accanto a quello di Franco er Califfo.

Nicola Legrottaglie

AS Livorno Calcio v Juventus FC - Serie A

Lo conosciamo soprattutto per essere stato un difensore della Juventus e un atleta di Cristo.
Colpiva la palla di testa in ogni circostanza, c’è chi giura di averlo visto battere dei rigori in allenamento. Di testa.

Legrottaglie se non fosse un calciatore

È un carpentiere con gli hobby delle droghe allucinogene e del turismo sessuale.
In un bordello di Bangkok, dopo un terribile mix di LSD, Ecstasy e Trancetti Balconi, vede la Madonna tra le chiappe di una certa Camalika Chakraborty mentre lei giura di essere maggiorenne. È il giorno della sua conversione.

Una parabola che ricorda quella di Paolo Brosio (da noi intervistato).
Sarà proprio Paolino a notarlo durante una processione a Bitonto.
Tra i due nascerà un rapporto prima lavorativo, poi d’amicizia e infine d’amore per il Signore e per i viaggi trascendentali.
Finiranno col condividere diversi pellegrinaggi verso Medjugorje.

Angelo Martucci

Non ho peli sulla lingua e li rado sul pube. Distratto e inconcludente raramente porto a termine quello che ho inc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top